Centro informazioni AKO

FAQ - Valvola di troppopieno

La velocità di reazione/apertura dipende molto dal diametro nominale della valvola a manicotto e dalla pressione di precarico/chiusura. Più è piccolo il diametro nominale della valvola a manicotto, più bassa sarà la velocità di reazione/apertura. Più è altra la pressione di precarico/chiusura, più alta sarà la velocità di reazione/apertura. Per saperne di più, vi preghiamo di contattare il nostro reparto vendite.

In questo caso la funzione non può più essere eseguita e il manicotto difettoso deve essere sostituito al più presto.

Sostanzialmente qualsiasi valvola a manicotto pneumatica può essere utilizzata come valvola di sovraccarico. Per questa funzione non sono tuttavia indicate le valvole a manicotto pneumatiche della serie VMP, perché la loro costruzione prevede la presenza di due o-ring che rappresentano un potenziale punto di perdita minimo supplementare.

Quando una valvola a manicotto AKO viene utilizzata come valvola di sovraccarico, ai vantaggi della prima si aggiungono anche tutti quelli della seconda. In particolare, si tratta del passaggio libero che offre una sicurezza contro l’eventuale intasamento, della facilità di manutenzione, della lunga durata e/o della bassa usura, nonché del fatto che la valvola di sovraccarico AKO non deve essere sostituita ogni volta che viene attivata, come avviene ad esempio con le valvole con disco di rottura.

La funzione principale dei pressostati è quella di rilevare gli aumenti e le diminuzioni della pressione d’esercizio. Ecco perché si consiglia di norma l’uso di 2 pressostati. Essi permettono inoltre di monitorare in forma elettrica i cicli di manovra della valvola di sovraccarico.

LV = aria presente

LNV = aria non presente

Nella versione LV non è necessario il pompaggio manuale periodico dell’aria compressa, perché questa viene alimentata costantemente. In presenza di aria di controllo è quindi preferibile questa versione.

Grazie al regolatore di pressione supplementare a all’alimentazione permanente di aria compressa, nella versione LV la pressione di chiusura della valvola a manicotto viene sempre mantenuta costante. Nella versione LNV, l’aria compressa viene immagazzinata nella valvola a manicotto e deve quindi essere periodicamente controllata/pompata. Per il resto il funzionamento è identico. La differenza sostanziale sta nella presenza (LV) o meno (LNV) di aria, in base alla quale viene configurata l’unità di sovraccarico.

Il pressostato gioca un ruolo importante anche nelle versioni LNV, perché permette di segnalare la necessità di pompare l’aria dalla valvola.

La valvola di sovraccarico offre gli stessi vantaggi della valvole a manicotto e può quindi essere impiegata con numerose sostanze. Grazie alle sue ulteriori caratteristiche, come ad esempio il libero passaggio, è la soluzione ideale soprattutto per sospensioni, liquidi inquinati, sostanze fibrose o altamente viscose. Per scegliere la combinazione valvola a manicotto e unità di sovraccarico giusta per la vostra applicazione, vi preghiamo di contattare il nostro reparto vendite.

Una valvola a manicotto pneumatica viene chiusa con una pressione di chiusura/comando prestabilita. La pressione di chiusura/comando prestabilita della valvola a manicotto, che dipende dalla pressione d’esercizio desiderata per l’impianto, si calcola con la seguente formula: pressione d’esercizio + 2-2,5 pressione differenziale della valvola a manicotto. Quando la pressione d’esercizio supera il livello normale, il manicotto inizia ad aprirsi e il sovraccarico indesiderato viene convogliato nel bypass grazie all’apertura. Quando la pressione d’esercizio ritorna ai livelli normali, la valvola a manicotto si richiude automaticamente. Le unità montate permettono la lettura delle pressioni e mantengono l’aria per un determinato periodo di tempo nella valvola a manicotto. Per realizzare una valvola di sovraccarico AKO, una qualsiasi valvola a manicotto pneumatica viene combinata con un’unità di controllo della pressione (la cosiddetta unità di sovraccarico).

La massima pressione d’esercizio dipende dal tipo di valvola a manicotto. In questo caso valgono i dati specificati nella relativa scheda tecnica (da 3,5 a 6 bar)

Sì, le valvole di troppopieno si richiudono automaticamente subito dopo l’eliminazione della sovrapressione e il ritorno della normale pressione d’esercizio.